CacioRicette Rubrica in collaborazione con...
In collaborazione con cinque tra le più interessanti food-blogger italiane, una rubrica settimanale per sostenere i formaggi di animali al pascolo: più buoni al palato e per la salute
kytts
...e altri selezionati food-blog
Candele con cavolfiore e crottino di capra

Primo piatto

Tempo di preparazione: 30'

Tempo di cottura: quello della pasta

Ingredienti ricetta

per due persone:

  180gr di pasta formato

  "candele"

  150gr di cavolfiore

  una ventina di nocciole

  un crottino di 2 settimane

  olio extravergine d’oliva

  sale marino integrale

  una mela (non farinosa)

  mezzo limone

  timo fresco

  pepe nero in grani

  uno spicchio d’aglio

I formaggi del pascolo

Sulla superiorità dei formaggi prodotti da latte di animali al pascolo

I benefici nutrizionali - In sintesi, i prodotti derivati da animali "al pascolo" (allevati secondo la pratica della zootecnia estensiva) offrono molti benefici a chi se ne nutra:
Vitamine A ed E - Importanti,

leggi tutto

oltre che per le specifiche azioni vitaminiche, anche per le proprietà antiossidanti

Cla - L'acido linoleico coniugato ha effetti fisiologici importantissimi: è anticancerogeno, antiossidante, antinfiammatorio, e influisce positivamente sul rapporto tra massa magra e massa grassa dell'individuo
Acido butirrico - È un grasso polinsaturo con la proprietà di agire da antidiabetico e di contrastare l'insorgenza dei tumori del colon
Omega 3 - Sono acidi grassi polinsaturi essenziali, così detti perché il nostro organismo non è in grado di sintetizzarli. Hanno effetto antitrombotico, sono importanti nel controllo della pressione arteriosa e del livello plasmatico dei lipidi e, infine, garantiscono una buona elasticità alle pareti arteriose, una protezione del cuore e del sistema circolatorio in generale
Antiossidanti - Sono sostanze in fondamentali per contrastare la formazione di radicali liberi e le reazioni di ossidazione.

Copyright Comunica di Stefano Mariotti® http://www.qualeformaggio.it/
Divieto di riproduzione totale o parziale senza consenso scritto

Il formaggio di questa ricetta

Formaggio utilizzato:

Crottino di capra a latte crudo
Peso: 20 gr
Diametro: 5 cm
Altezza: 4 cm

Stagionatura: due settimane
ProduttoreFattoria Ma' Falda Località Prodo - Orvieto (TR)

Archivio ricette


 

 una ricetta di www.ilpastonudo.it

 Questo crottino, che ha un sapore inizialmente innocuo e subito dopo più deciso, ho pensato di abbinarlo a un piatto di pasta con il cavolfiore, un ortaggio che in questo periodo adoro, purché non sia bollito a morte! Il gusto dolce della pasta liscia che amo, abbinato al cavolfiore morbido ma non troppo, al croccante delle nocciole e al piccante del crottino, e profumato con il timo. Che altro serve? Ah sì, una forchetta :-)

 
Preparazione

Lavate e mondate il cavolfiore e tritatelo grossolanamente con il coltello.

Sbucciate e grattugiate la mela con la grattugia a buchi grossi, e mescolatela con una spruzzata di limone perché non annerisca. Staccate le foglioline dai rametti del timo e mettetele da parte.

 

Sgusciate le nocciole, fatele tostare velocemente in forno a 170°C (attenzione che bruciano facilmente) fino a quando non avranno un delizioso profumo tostato, poi tritatele grossolanamente. Sbriciolate in un piattino la parte interna del caprino, più dura, e mettete il resto in un altro piattino (questa potrete capirla solo quando vedrete il crottino :-))

 

Mettete sul fuoco una pentola piena d’acqua pura per bollire la pasta.

 

Prendete una padella bella grande, coprite il fondo con un velo d’olio e metteteci uno spicchio d’aglio schiacciato; mettete il tutto a scaldare a fiamma molto bassa fino a quando l’aglio non avrà un colore leggermente dorato.

 

 Alzate leggermente la fiamma, versate nella padella il cavolfiore, la mela e il timo e salate; saltate il tutto in padella fino a quando non avrà assunto un bel colore dorato e la mela sarà leggermente caramellata.

 

Quando l’acqua bolle metteteci un pugno di sale grosso, poi buttate la pasta e mescolate un pochino.

 

Intanto aggiungete alla padella con il cavolfiore le nocciole e la parte morbida del crottino.

Togliete la pasta dal fuoco un po’ al dente, scolatela e mantecatela in padella meno di un minuto; mettete nei piatti, aggiungete il crottino sbriciolato e se vi piace una spolverata di pepe appena macinato; servite il piatto ben caldo.

Vuoi leggere l'introduzione a questa ricetta sul sito dell'autrice? Allora clicca qui!

7 ottobre 2012

Scopri tutto sulla superiorità dei formaggi da animali al pascolo: clicca qui!