CacioRicette Rubrica in collaborazione con...
In collaborazione con cinque tra le più interessanti food-blogger italiane, una rubrica settimanale per sostenere i formaggi di animali al pascolo: più buoni al palato e per la salute

Sere in cucina
...e altri selezionati food-blog
Insalata di cereali con pecorino Tiu Ettori stagionato

Insalate

Tempo di preparazione: 20'
Tempo di riposo: 40'

Ingredienti ricetta


25 gr di orzo
25 gr di farro
25 gr di riso integrale
100gr di sedano rapa
14 olive taggiasche denocciolate
due ciuffetti di timo fresco
un cucchiaio di farina di mandorle
20 gr di mandorle tostate in lamelle
8 pomodorini secchi sottolio
100 gr di pecorino Tiu Ettori stagionato
sale rosa q.b.
olio extravergine d'oliva q.b.

 
I formaggi del pascolo

Sulla superiorità dei formaggi prodotti da latte di animali al pascolo

Migliori per l'organismo - La differenza che meno salta all'occhio, comparando i prodotti caseari derivanti dalle due zootecnie - estensiva o al pascolo ed intensiva o industriale - è quella maggiormente importante,

leggi tutto

se si pensa che al di là del piacere della buona tavola, mangiamo anche o soprattutto per nutrirci. Dal punto di vista dei macrocomponenti - proteine e grassi - i formaggi delle due "famiglie" sono assai simili tra di loro, e le differenze salienti vanno ricercate nelle componenti cosiddette "secondarie", in quanto a "peso", ma decisive per l'apporto nutrizionale offerto: vitamina A ed E, antiossidanti naturali, acido linoleico coniugato (Cla), acido butirrico e Omega3, a cui si affiancano i terpeni, responsabili degli aromi.

Anni e anni di ricerca hanno dimostrato senza ombra di dubbio che dette componenti sono presenti in misura straordinariamente maggiore nei formaggi prodotti dal latte di animali allevati al pascolo.

Copyright Comunica di Stefano Mariotti® http://www.qualeformaggio.it/
Divieto di riproduzione totale o parziale senza consenso scritto

Il formaggio di questa ricetta

Formaggio utilizzato

Pecorino canestrato "Tiu Ettori" stagionato
Stagionatura: otto mesi
Diametro: 16-20 cm
Scalzo: 11-14 cm
Peso: 3 kg. ca.

Produttore:
Monzitta e Fiori società semplice agricola
Tula (SS)
www.monzittafioriformaggi.it
telefoni: 333.2707140 - 338.7295824

 

Archivio ricette


 

 una ricetta di www.sereincucina.blogspot.it

Eccoci alla fine delle feste: scommetto che siamo tutti “rotolanti” e un po’ pentiti per le mille abbuffate appena finite. Mai, poi, come quest’anno abbiamo avuto così tante occasioni per sederci tutti insieme intorno ad un tavolo a mangiare ridere e scherzare. Tra giorni di festa, ponti (che pareva brutto non approfittarne) e sabati e domeniche lì a farci gola, sono sicura che tutti noi ci siamo messi con tutta calma ai fornelli e con una forchetta a puntare ben dritta la nostra bocca.

Bene, allora oggi noi ripartiamo leggeri e sani, sopra ogni cosa.

E poi, già che ci siamo, non vogliamo metterceli due buoni propositi per questo 2015 appena iniziato? E possiamo non pensare al cibo e a quanto conti nella nostra vita di tutti i giorni? Ecco che allora, per partire con quello sprint che ci serve e cercare alimenti che siano buoni e che ci facciano stare bene, ho deciso di proporvi una bella insalata. Sì, avete capito bene. Anche se siamo a gennaio. Anche se di “insalate” in questa stagione non si sente quasi mai parlare.

Ma questa è una insalata un po’ speciale, che sa di inverno e di cose genuine, per l’appunto. Che vede tra i suoi protagonisti un sensazionale Tiu Ettori(1) stagionato, del sedano rapa croccante, del farro, dell’orzo e del riso integrale. Oltre ad altri ingredienti mediterranei, che troverete nellaricetta, che la renderanno saporita e irresistibilmente unica.

Preparazione

Mettete in ammollo il riso integrale per un’ora, e poi lavatelo per bene prima di utilizzarlo.

Nel frattempo, preparate un pesto con i pomodorini secchi, la farina di mandorle, il timo essiccato e 20 gr di pecorino: tritate il tutto finissimamente (in un robot da cucina se vi è possibile) e aggiungete olio extravergine un po’ per volta, finché non otterrete una consistenza fluida e cremosa.

Prendete una pentola, riempitela d’acqua, salate e mettetela sul fuoco, portandola ad ebollizione.

Intanto prendete il sedano rapa, toglietevi la parte esterna, lavatelo bene e tagliatelo a bastoncini sottili.

Quando l’acqua nella pentola bollirà, buttate giù i cereali, controllando bene i tempi di cottura che avranno ognuno di loro: nel mio caso ho iniziato con l’orzo, dopo cinque minuti ho aggiunto il farro e dopo quindici minuti ho cotto anche il riso integrale, ancora per venti minuti.

Terminata la cottura dei cereali, scolateli e passateli sotto l’acqua fredda, poi conditeli con un filo di olio extravergine di oliva.

Preparate le cialde di pecorino: grattugiate 30 gr di pecorino e spargeteli su di una padella ben calda. Non appena inizierà lievemente a dorarsi toglietelo con l’aiuto di una spatolina di legno e adagiate le cialde ottenute su di un piatto freddo. Ripetete l’operazione e tenete le cialde da parte.

A questo punto, in una ciotola, mescolate i cereali, il sedano rapa, i restanti 50 gr di pecorino precedentemente tagliato a cubetti, le olive taggiasche (avendo cura di tenerne qualcuna da parte per decorare il piatto) e il pesto di pomodorini secchi. Mescolate bene il tutto, aggiustate di sale e impiattate, andando a decorare con mandorle a lamelle, il timo fresco, le cialde di pecorino e qualche oliva taggiasca.

Vuoi leggere l'introduzione a questa ricetta sul sito dell'autrice? Allora clicca qui!

14 gennaio 2015

Vuoi acquistare i formaggi della società agricola Monzitta e Fiori? Fallo su questo stesso sito: clicca qui. Li riceverai comodamente a casa tua!

(*) Tiu Ettori è un formaggio pecorino da latte di animali al pascolo, prodotto dalla società agricola Monzitta e Fiori di Tula. L'azienda è dedita alla produzione di pecorini prodotti giornalmente dal solo latte aziendale con animali alimentati quasi esclusivamente ad erba e foraggi del territorio (vengono somministrate talvolta modeste integrazioni a base di cereali schiacciati o sfarinati), rispettando il ciclo produttivo degli animali. La produzione viene sospesa dal novembre al febbraio, in corrispondenza  con il periodo di asciutta che prepara le pecore ai nuovi parti. L'azienda, che aderisce all'ANFoSC (Associazione Nazionale Formaggi Sotto il Cielo), esegue periodicamente le analisi del profilo degli acidi grassi, a garanzia del valore nutraceutico dei propri prodotti.

Scopri tutto sulla superiorità dei formaggi da animali al pascolo: clicca qui!