Latte industriale: no, grazie!

Hanno selezionato geneticamente animali per far produrre loro più di quanto naturalmente produrrebbero. Hanno forzato la loro alimentazione con i mangimi per "ottimizzare" le rese, infischiandosene della loro longevità. E "dimenticandosi" che sono erbivori, non onnivori. Per loro la vacca è una spugna da spremere, non un animale da rispettare. Oltre la qualità del cibo che ne deriva, vogliamo forse essere complici di questo?

L’industria ha deciso: chimica nei silos per aumentare le rese

"L'uso di additivi chimici nella pratica degli insilati salverà i conti degli allevamenti industriali": è questo l'inquietante messaggio arrivato dai fautori della zootecnia...

Latte alle aflatossine: un solo caso, tante preoccupanti coincidenze

Ci sono notizie così clamorose, per quanto settoriali, che corrono tanto veloci (sui giornali, in tv e sul web) da apparire bruciate dopo...

Cibo e salute: l’Europa riammette il monensin, farmaco vietato da anni

È una vicenda esemplare, oltre che di stringente attualità, quella del monensin sodico, antibiotico ad uso veterinario destinato al mondo degli animali da...

Latte al tramonto in Europa. Il riscatto dei bovini arriverà dai...

Da alcune settimane è allarme aflatossine per il latte prodotto in buona parte degli Stati Europei. Dopo gli episodi rilevati anche in Italia...

Latte uht alla sbarra in Spagna: qualità di male in peggio

Il latte commercializzato in Spagna è qualitativamente inferiore rispetto a quello di dieci ani fa. Ad affermarlo sono stati nei giorni scorsi i responsabili...

Mais a rischio aflatossine. Assalzoo: “aprire agli ogm”

Il balzo in avanti delle quotazioni delle materie prime zootecniche sembra non volersi arrestare. L'allarme è generale e mai come oggi...

La pubertà precoce? È indotta da latti e pappine industriali

Ancora una volta il mondo scientifico "super partes" (quello che si tiene lontrano dagli interessi delle lobby) punta il dito verso l'alimentazione industriale per...

Nuovo superbatterio killer dalle stalle industriali inglesi

Mentre l'Europa intera ancora s'interroga sulla nuova variante di escherichia coli che ha mietuto sinora ventinove vittime, un'altra insidia si affaccia al mercato senza...