Economia

Confermati i tagli alla Parmalat: 35 i dirigenti e funzionari in esubero

   Taglio del personale in vista alla Parmalat di Collecchio, che a breve vedrà ridursi – come già annunciato dalla nostra Redazione il 4 febbraio scorso – il proprio gruppo dirigente, nel quadro dei piani di riassetto decisi dalla famiglia Besnier, proprietaria di Lactalis. Come già annunciato in occasione del delisting di Parmalat dalla Borsa di Milano, l’azienda francese sta procedendo a una riorganizzazione su base prevalentemente territoriale, secondo una suddivisione in nove distinte aree (cinque geografiche, una per l’export e tre di prodotto: ingredienti, prodotti freschi e formaggi).

 

Leggi tutto...
 
Nuova Castelli nel mirino di Lactalis: qualcuno dica al ministro (e a Coldiretti) che è già in mani straniere

   “Agli altri lasceremo le briciole”. Potrebbe riassumersi in questa breve frase l’attuale sigillo ideologico di Lactalis, il colosso europeo del latte che dopo un 2018 un po’ sulle spine (prima le forti critiche per l’assalto al Camembert, poi una gogna mediatica infinita, per aver sparso salmonella nel mondo causando centinaia di piccole vittime), pare aver iniziato il 2019 in modo spietato (dallo smembramento di Parmalat alla gamba tesa sul Roquefort), mettendo le mani adesso, a quanto pare, sul formaggio-simbolo dell’industria italiana – il Parmigiano Reggiano – attraverso una rilevante partecipazione nella Nuova Castelli di Reggio Emilia, azienda con oltre mille dipendenti e venti sedi nel mondo.

 

Leggi tutto...
 
Gli sporchi affari delle big del latte sulla pelle degli africani

La delegazione di allevatori africani che collabora con l’European Milk Board alla denuncia della truffa del latte taroccato - foto EMB©Come se non bastasse loro il danno all’ambiente, agli animali e ai consumatori europei dovuto alla produzione e la commercializzazione di un latte sempre più impattante e insalubre, i produttori intensivi del Vecchio Continente hanno trovato il modo di esportare i loro problemi anche in Africa, per di più aggiungendo una componente truffaldina, tanto per lucrare nell’illecito.

 

Leggi tutto...
 
Lactalis sul futuro di Parmalat: dirigenti in esubero da maggio

Il futuro di Parmalat galleggia su un mare di incognite - immagine tratta dal sito web Parmalat.itDopo il delisting avviato all’inizio dello scorso dicembre (96% delle azioni nelle mani dell’azienda) per preparare la propria uscita dalla Borsa di Milano, Lactalis si è messa al lavoro con il fine di attuare quello che appare a tutti gli effetti lo smembramento del gruppo Parmalat. Se così fosse, sarebbe il penultimo atto di quello che fu l'“impero dei Tanzi”, di cui in un prossimo futuro (a maggio, con la possibile acquisizione del restante 4% delle azioni) potrebbe rimanere poco più che il brand, irrinunciabile per mantenere le posizioni acquisite nei mercati del Sud e del Nord America.

 

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 31