Regno Unito: è di Arla Foods l’etichetta antispreco per il latte

foto Pixabay©L'ente inglese per la sostenibilità ambientale Wrap Org (Waste and Resources Action Programme) è verosimilmente al centro di un cambiamento epocale, che - partendo dal Regno Unito - potrebbe presto estendersi ad altri Paesi, europei e non. Grazie alle insistenti campagne condotte contro gli sprechi alimentari - al centro delle quali è spesso figurato il latte fresco - il gigante lattiero-caseario Arla Foods (11.200 allevatori e agricoltori nel centro-nord Europa) ha sviluppato uno speciale tipo di etichetta che dovrebbe poter aiutare i consumatori a gettare meno cibo nella spazzatura.

 

Leggi tutto...
 
Heumilch Stg: in arrivo le ‘‘versioni’’ ovina e caprina

Pecore al pascolo sulle Alpi austriache - foto Pixabay©Nato ufficialmente nel marzo del 2016 con la concessione del marchio di protezione da parte dell’Unione Europea, il latte vaccino Heumilch Stg (latte fieno), prodotto da vacche alimentate a fieno ed erba - con divieto di alimenti fermentati e Ogm (clicca qui per il disciplinare di produzione) - avrà presto le sue versioni ovina e caprina.

 

Leggi tutto...
 
Antibiotico-resistenza: giro di vite dell’Unione Europea contro le pratiche intensive

Una efficace infografica dell'Organizzazione Mondiale della Sanità sull'antibiotico-resistenza - World Health Organization©Uno dei fenomeni sanitari e sociali più rilevanti dei nostri tempi è quello ormai noto con il nome di “antibiotico-resistenza”. Una problematica assai seria, legata alla proliferazione di ceppi di batteri che risultano essere resistenti, per l’appunto, a terapie basate sull’uso dei antibiotici che sinora avevano garantito una comprovata efficacia. Ma che oggi possono talvolta risultare, per l’appunto, inefficaci.

 

Leggi tutto...
 
Lactalis e salmonella: un giudice inquirente si occuperà del caso

Il caso del latte Lactalis per l’infanzia contaminato da salmonella registra in questi giorni una nuova svolta, a nove mesi dalla sua deflagrazione mediatica, che toccò decine di Paesi, non solo in Europa, risparmiando l’Italia. La notizia riguarda l’incarico che verrà affidato ad giudice inquirente per continuare le indagini sulle origini di questa contaminazione e le responsabilità da essa derivate, sia sul sito di produzione che nella commercializzazione e nel ritiro del prodotto.

 

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 51