Italia

Alce Nero punta sullo yogurt da fieno, ma lo fa fare alla Mila

La nuova gamma di yogurt di Alce Nero, prodotta in Alto Adige da Mila con latte da fieno (non da erba). Discutibili i gusti banana e caffè, non propriamente a ''chilometro zero''Per quanto il mondo del latte dell’Alto Adige non sia paragonabile né con quello dell’Austria né con quello della Baviera, per come sono strutturati i grandi player (cooperative di produttori oltre confine, industria che ritira da stalle, non solo piccole, in provincia di Bolzano), c’era da aspettarsi che il latte del fieno (Heumilch Stg) sarebbe stato prima o poi prodotto anche nel nostro Paese. E con esso i sui derivati, a partire dallo yogurt.

Leggi tutto...
 
Inalpi e il latte alpino di pianura: la denuncia dell’avvocato Dongo non trova spazio sui media italiani

   Nato come acronimo di INdustria ALimentare PIemontese, il nome, il logo e il marchio Inalpi avrebbero intrapreso nel tempo un cammino verso una pratica persuasiva scorretta e fuorviante (In-Alpi?), lesiva dei fondamentali diritti dei consumatori. È quanto si “potrebbe” intuire nel progressivo modificarsi del logo-marchio dell’azienda di Moretta (vedi foto più in basso e link in calce all'articolo), ma anche e soprattutto ciò che viene sostenuto, e che sinora non è stato smentito, da uno dei fondatori del quotidiano online “Il Fatto Alimentare”, l’avvocato Dario Dongo, attraverso il sito web Great Italian Food Trade.

Leggi tutto...
 
Bufala Dop: processo rinviato per il numero due del consorzio

Ua foto dal sito web del caseificio La Cirigliana, inerente i controlli e la qualitàAncora dei casi di contraffazione alimentare si sono registrati nei giorni scorsi nell’àmbito della produzione della Mozzarella di Bufala Campana Dop, e ancora una volta dei caseifici (quattro, a quanto pare, ndr) sono stati smascherati per aver taroccato il prodotto, vale a dire per aver utilizzato una parte di latte vaccino (pratica non inconsueta, per quanto vietata dal disciplinare, ndr), verosimilmente per contenere i costi di produzione. E quindi per aumentare illecitamente il profitto, ai danni degli inconsapevoli consumatori.

Leggi tutto...
 
La sicurezza del settore bufalino in un volume dell’Inps

   Una nuova e interessante pubblicazione, “Sicurezza e salute sul lavoro nel settore bufalino”, è stata edita e recensita nei giorni scorsi dal sito web dell’Inail (Istituto Nazionale Sicurezza sul Lavoro). Il volumetto (89 pagine), disponibile nelle versioni cartacea e digitale, tratta dei temi della salute e della sicurezza sul luogo di lavoro, con un approccio e una metodologia innovativi, in grado di delineare finalmente tutte le buone prassi necessarie, per un settore che tuttora, spiegano i responsabili dell’Inail, “risente di una mancata progettualità specifica e di metodologie costruttive delle stalle derivanti dai bovini”.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 7 di 135