Ancora una disfatta per l’Agnello Sardo
15 dicembre 2008 - Ancora speculazioni sulla pelle dei pastori sardi. Ancora una volta, con l’approssimarsi delle festività natalizie, il mercato viene invaso dalla carne di agnello d’importazione (perlopiù dai Paesi dell’Est Europa e del Galles), che nulla ha a che fare come salubrità e gusto con quella allevata allo stato brado nell’isola.

Una volta la vendita degli agnelli rappresentava un importante cespite per l’economia agropastorale sarda, ma oramai si è arrivati al paradosso di non sapere neanche più a chi venderli, per quanto bassi siano i prezzi a cui quelli esteri vengono venduti.

Qui i prezzi di acquisto al macello sono ancora più bassi dalla media nazionale rilevata nei giorni scorsi dall’Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare) e pari a 3,84 Euro al chilo. Il cartello che i macellatori locali hanno impunemente creato ha trascinato la quotazione ad una media di 3,50 Euro al chilo, con punte minime di 3,00 Euro netti.

Di fronte a questa situazione si riscontrano le prese di posizione della Coldiretti che invita i pastori a muoversi verso altri mercati, come già avvenne anni fa quando il latte ovino sardo iniziò a prendere la via del mare verso il continente, per servire per lo più i caseifici laziali e maremmani.

Altro fronte su cui si è registrato un discreto movimento è quello della qualificazione attraverso l’Igp “Agnello Sardo”, che anche quest’anno marchierà oltre 200mila capi, spuntando però, si dice, appena 20 centesimi di Euro in più al chilo.

Commenti (0)Add Comment

Scrivi un commento
diminuisci le dimensioni del form | aumenta le dimensioni del form

security code
Trascrivi i caratteri che vedi qui sopra


busy