Dalle ‘‘putìe’’ alla gdo, i formaggi siciliani affrontano il mercato

   Ragusa ospiterà, venerdì prossimo 5 aprile, la presentazione del nuovo libro del Prof. Giuseppe Licitra (Università degli Studi di Catania), dedicato alla commercializzazione e alla salvaguardia dei formaggi storici siciliani. Il volume, intitolato “Putìe. I prodotti lattiero-caseari nei banconi espositivi dei punti vendita in Sicilia” (sottotitolo: Attualità e prospettive per i prodotti storici siciliani. Dalle Putìe alla GDO)” verrà illustrato dall’autore, da una serie di esperti e dal prefatore, Prof. Giovanni La Via, presso l’auditorium del Centro Studi “Feliciano Rossitto”.

 

Dopo la registrazione obbligatoria dei partecipanti, prevista per le 17:45, alle 18 in punto prenderà la parola l’autore, docente di Prodotti di Origine Animale, che parlerà dei “Prodotti caseari nei punti vendita della Sicilia. Dalle putìe alla Gdo". A seguire, interverrà il Prof. Vincenzo Russo, esperto in psicologia dei consumi e psicologia della comunicazione (docente presso la Iulm, Libera Università di Lingue e Comunicazioni, di Milano), parlando di “Consumatori volàno di sviluppo: conoscerli per programmare le strategie di sostegno al mondo rurale eco-sostenibile”

 

Offriranno poi ulteriore spessore all’incontro alcune brevi riflessioni sui principali formaggi storici siciliani, curate dal Prof. Massimo Todaro (presidente Consorzio di Tutela Vastedda della Valle del Belice Dop), da Giuseppe Occhipinti (presidente Consorzio di Tutela del Ragusano Dop), Domenico Ferranti (presidente Consorzio di Tutela Pecorino Siciliano Dop), Pietro Di Venti (presidente Consorzio di Tutela Piacentino Ennese Dop), Pietro Valenti (presidente Consorzio della Provola dei Nebrodi Dop), Vincenzo Chiofalo (Università di Messina per il Maiorchino), Salvatore Passalacqua (unico produttore storico di Tuma Persa e del Fiore Sicano).

 

Seguirà l'intervento del Prof. Giovanni La Via, prefatore del colume, che parlerà di "Un'Europa che può accompagnare lo sviluppo rurale ecosostenibile spesso marginalizzato". Le conclusioni saranno affidate al primo cittadino di Ragusa, Giuseppe Cassì e all’Assessore Regionale all’Agricoltura, Edy Bandiera. L’incontro verrà moderato dalla Dr.ssa Gianna Bozzali, giornalista specializzata in enogastronomia.

 

La serata terminerà con una degustazione dei principali formaggi storici siciliani, in collaborazione con l'Istituto Alberghiero “Galileo Ferraris” di Ragusa.

 

L’iniziativa è stata promossa e organizzata dal Centro Studi “Feliciano Rossitto”, in collaborazione con il “Di3A” (Dipartimento di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente) e l’Università degli Studi di Catania. Hanno contribuito inoltre: l’Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali della Provincia di Ragusa, l’Istituto di Istruzione Superiore “Galileo Ferraris” di Ragusa, i Consorzi di tutela di Vastedda della valle del Belice, Pecorino siciliano DOP, Piacentinu Ennese Dop, Ragusano e Provola dei Nebrodi.

 

1 aprile 2019
  


 

I nostri articoli ti interessano? Vuoi riceverli nella tua mailbox, gratuitamente? Allora clicca qui!

 

Commenti (1)Add Comment
...
scritto da Redazione Qualeformaggio.it, aprile 02, 2019
#### COMMENTI SOSPESI ###

Per motivi tecnici inerenti la preparazione del nostro nuovo portale web, i commenti sono sospesi.

La Redazione di Qualeformaggio.it

Scrivi un commento
diminuisci le dimensioni del form | aumenta le dimensioni del form

security code
Trascrivi i caratteri che vedi qui sopra


busy