Scienza, Cultura e Salute


Non solo caglio: il cardo mariano aiuta la lotta ai tumori

foto Pixabay©Sin dall’alba dell’umanità, il cardo mariano (in inglese “milk thistle”, cardo del latte, ndr) è conosciuto nel mondo per il suo potere di coagulare il prodotto della mungitura delle lattifere, tant’è che ancor oggi è molto utilizzato da chi produce formaggi a caglio vegetale (quello vero, non il microbico, ndr) ovvero dall’industria che fornisce caglio ai produttori di quel tipo di formaggio, molto apprezzato dai vegetariani e da chi ami la tipica nuance amarognola che quella sostanza conferisce al prodotto.

Leggi tutto...
 
Latte nelle scuole ma con criterio: priorità ai prodotti locali

foto Pixabay©Il latte vaccino fresco fa bene, ed è bene che sin da piccoli - e soprattutto da piccoli, sino almeno all’adolescenza - sia presente tra gli alimenti quotidiani. E siccome la colazione non è più una consuetudine delle famiglie, a sopperire a questa lacuna giunge la scuola, sostenuta da un progetto comunitario europeo - denominato “Il Latte nelle Scuole” - che quest’anno è stato rimodellato rispetto al passato, offrendo maggiori opportunità educative, veri e propri laboratori didattici, visite alle aziende e incontri con i nutrizionisti.

Leggi tutto...
 
La ricetta Greenpeace? Tagliare gli aiuti alle produzioni intensive

Da quel che si mangia dipende il futuro del pianeta - l'immagine ritrae una pagina della pubblicazione ''Meno è meglio'', dell'associazione ambientalistaIl futuro alimentare del pianeta ha una sola strada percorribile: quella delle produzioni estensive, da erba e da fieno. In sostanza, solo adottando una “dieta sana” potremo garantirci un “pianeta sano”. Ad affermarlo sono i vertici di Greenpeace Italia, che nei giorni scorsi hanno lanciato una campagna mediatica che si prefigge “l’obiettivo ambizioso, necessario e impellente di ridurre la produzione e il consumo e di carne e di prodotti lattiero-caseari del 50%, a livello globale, entro il 2050”.

Leggi tutto...
 
Allo studio in Sardegna la sostenibilità dei pascoli mediterranei

Pascolo sardo nella primavera inoltrata - foto Pixabay©Si sono tenute a Sassari, giovedì e venerdì scorsi - presso la Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi e in territori ad uso pascolivo del comune di Santu Lussurgiu - due intense giornate di lavoro del progetto “Life Regenerate”, che hanno visto protagonisti i ricercatori dell’Università dell’Estremadura, l’Nrc (Nucleo di Ricerca sulla Desertificazione), dell’Università degli Studi di Sassari e del CNR-Ispaam (Istituto per il Sistema Produzione Animale in Ambiente Mediterraneo) di Sassari.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 5 di 96